UNA FIGURA NON PROPRIO ARANCIONE…

UNA FIGURA NON PROPRIO ARANCIONE…

Jun 22

 

Sul caso del Dalai Lama, una dichiarazione si staglia da tutte le altre. Lapidaria. Definitiva.

Con queste scelte stiamo sacrificando valori etici e moralità in nome di Expo“. Già. E per un’amministrazione che proprio dei valori etici e della moralità – in una parola, del “civismo” – ha fatto la sua ragion d’essere, questa della cittadinanza offerta e poi negata al Dalai Lamai, ben lungi dall’essere un incidente di percorso, è una terribile sconfessione.

Ma chi ha proferito queste sacrosante parole? Da quando, nell’opposizione di destra, se la cavano così bene con la dialettica? Forse il merito è del giovane Calise, tra un video e  l’altro  filmato con l’ipad? O magari il radicale Cappato, da sempre vicino – come tutti i radicali – alla causa del Tibet?

No. Niente di tutto questo. Queste parole sono del Presidente del Consiglio Comunale Basilio Rizzo. E sono del 2007.

30 GRADI DI PROPAGANDA

30 GRADI DI PROPAGANDA

Jun 20

 

Se avete visto un tg o letto un giornale negli ultimi 10 anni in una qualunque giornata estiva, vi sarete sicuramente imbattuti nel solito servizio/articolo allarmista, che a fronte di una notizia abbastanza nota - “è estate, fa caldo” – ci costruisce sopra un reportage dal sapore apocalittico. Il caldo estivo infatti (così come il freddo invernale) non è più una condizione metereologica, ma ormai è trattato come una specie di catastrofe naturale, spettacolarizzata e ingigantita dai media come fosse uno tsunami o un terremoto.

A volte però, il povero caldo diventa addirittura strumento di propaganda politica: è il caso di  un articolo del Corriere Milano a firma di Giacomo Valtolina sul “piano anti-caldo” varato dalla Giunta. Prima di leggere le prossime righe, una raccomandazione: ricordate l’inconfondibile vocina squillante dell’istituto Luce, quella di tutti i documentari sul fascismo? Bene, provate a immaginare che sia proprio quella voce a leggere il seguente articolo. Cominciamo.

SALONE DEL LIBRO: HORROR D’AUTORE

SALONE DEL LIBRO: HORROR D’AUTORE

May 11

 

Nel cuore della notte, per festeggiare l’inizio del Salone del Libro, vi proponiamo questo macabro video le cui atmosfere cupe ricordano da vicino lo Zio Tibia Picture Show, programma cult delle nostre estati anni ’90.

IL TEST DI RORSCHLACH DI ALBERTO BIRAGHI

IL TEST DI RORSCHLACH DI ALBERTO BIRAGHI

May 07

Sigmund Frode

Un illustre psicanalista ha visitato Alberto Biraghi, celebre quanto discussa entità milanese che pochi hanno visto (qualcuno sostiene che la foto sia un falso, ed Egli addirittura non abbia né sembianze umane né corpo) ma di cui tutti leggono quotidianamente il verbo sul suo blog, attivo da quasi 10 anni.


Buonasera.

Il paziente è stato condotto nel mio studio di via (omissis), nella città di (omissis) alle ore (omissis) di un piovoso pomeriggio di maggio.

Ho provveduto immediatamente alla lettura della cartella clinica: si faceva riferimento a un rifiuto, da parte del paziente, di uniformarsi al normale modello comportamentale, definito in letteratura  ”dell’adulazione sfrenata fino alla perdita di ogni freno inibitore”,  tipico dell’opinione pubblica della  città di (omissis) nei confronti di ogni membro della nuova maggioranza guidata dal sindaco (omissis). Il medico curante segnalava inoltre, con grande sorpresa,  una pervicace propensione del paziente alla polemica e alla critica finalizzata alla difesa del bene comune. Ho provveduto dunque ad applicare il protocollo, convincendolo a svolgere un particolare tipo di test di rorschlach, per studiarne in profondità la psiche. Di seguito le immagini a lui mostrate, seguite dalla reazione emotiva del paziente, che troverete ivi trascritta per intero e senza filtri, così come stabilito dalla dottrina.

 

PIERMAJO E LA GARA SU FACEBOOK

PIERMAJO E LA GARA SU FACEBOOK

Apr 20

 

Quel vulcano del Piermajo ne ha tirata fuori un’altra delle sue. No, no, non spaventatevi: non ha scritto un nuovo libro. Non ancora, almeno.

Sul suo profilo facebook ha chiamato a raccolta i fans mobilitandoli per una importantissima causa: suggerirgli una frase da scrivere sulla porta del suo assessorato.