L’ANGOLO DI ASSANGE

Pubblichiamo un documento riservato molto gustoso. E’ un report del famoso incontro tra Maran e i cittadini di zona 1 redatto da un personaggio  “che conta” molto vicino ad  altri personaggi “che stracontano”. Si tratta di un report davvero interessante, e non solo perchè chi lo ha scritto si dimostra una persona estremamente intelligente. Buona lettura. E se finiamo in un carcere a Stoccolma, mandateci un pensiero.

 

 

1)      Era stato espressamente richiesto di  far pubblicità dell’evento dal coordinamento comitati in zona 1 e  per l’intera zona 1  è stato preso il CAM  di corso Garibaldi  ( circa 80 posti seduti ).

Conseguenza : un  sovraffollamento disumano con gente fuori che non riusciva ad entrare

Consideriamo che la lega  – e ne era stato dato preallarme – aveva dichiarato la sua presenza  per contestare  l’operazione e quindi doveva essere valutata meglio la quantità di persone possibilmente presente e spostata  la riunione in una sede più adatta. Meglio… (omissis)

I non schierati, ma maldisposti verso l’area C,  ne hanno tratto l’impressione di dilettantismo e approssimazione.

2)       Chiaramente  non si è neanche riusciti ad iniziare  il dibattito per le contestazioni subito urlate, gli insulti gratuiti  anche tra presenti e l’agitazione generale  e Maran, dobbiamo dirlo, non ha  il phisique du role né sufficiente potenza di voce  per fronteggiare tali situazioni e qualsiasi cosa dicesse veniva  contestata  e non riusciva a partire nessun confronto. Quindi (omissis)  ha preso in mano la situazione  con  parecchi decibel in più nella voce per far decidere per alzata di mano se proseguire all’esterno la riunione   o se spostarla al giorno dopo alla Camera del lavoro. Si è riusciti a farla proseguire in loco spostando i  microfoni all’aperto  e radunando i presenti in giardino (omissis).  Data la presenza di uomini anzi omoni di stazza che urlavano ad ogni frase di Maran giustamente sono stati fatti arrivare i carabinieri che si sono discretamente schierati alle spalle di tutti come deterrente a qualsiasi  intemperanza  quindi in realtà una presentazione esauriente ed estesa non c’è stata .

3)      Pubblico  :  leghisti organizzati in maggioranza   –    borghesi di zona  i quali  nella maggior parte  dopo un po’ se ne sono andati – pisapiani – oltre ai (omissis)  ho incontrato (omissis)

4)      Interventi :  la presentazione di Maran   a mio parere – è stata debole   perché si è persa in  troppi dati statistici  peraltro non   accettati  – tipo i km percorsi da  un abitante dell’area  in media , la media delle uscite dal  centro ecc,  ha richiamato i risultati del referendum  per il quale in molti si ritengono  imbrogliati. Non ha comunicato  la o una  filosofia dell’area C, non ha comunicato dei dati  sulla salute che sono il fine vero dell’operazione     – ci sarebbe stato  bisogno a sostegno della presentazione l’esposizione   di dati  sulla salute esposti da medici competenti. (omissis, omissis, omissis) I raffronti con le altre città europee lascia il tempo che trova perchè non si  pensa Milano paragonabile a Londra Amsterdam eccetera

 

5)      E’stata  quindi data la parola per i singoli interventi dei cittadini  tutti  politicamente e concettualmente schierati contro  e i punti salienti contro l’area C sono risultati:

a)      non piace pagare  in generale  e non si accetta il “cambiamento” cervellotico messo in atto, si chiede quanto costa aver effettuato questo cambiamento  da eco a area > conclusione :  era meglio lasciare nome ecopass a cui erano già abituati  e  aumentare il costo annuale senza troppi cambiamenti (omissis)

b)      assolutamente non si accetta di dover pagare come residenti per ritornare  a casa da lavoro fuori area C > conclusione : la comunicazione inesatta dello scopo fa sentire la gente  vessata nel proprio diritto al lavoro  e la lettura recepita è pago per tornare a casa  e questo è inaccettbile  e viene perso ogni altro riferimento  vivendolo come  un vero sopruso

c)      non piace pagare   a spizzichi, molti sono anziani e trovano difficile capire il meccanismo  come e dove pagare   > conclusione : perdita di tempo fastidio di conteggiare  quando si supera il bonus di 40 ingressi , fastidio di pagare due euro alla volta ?!?  n.b.  non si è riusciti a chiarire questo punto pratico

d)     si sentono controllati dal comune e limitati nelle loro libertà  > conclusione :  la tassa unica da maggior senso di poter fare quello che si vuole  una volta pagata la tassa : 1 volta e stop

e)      si contesta che un euro 3diesel  non entri più in area C , ma possa scorrazzare indisturbato per tutti i bastioni inquinando a piacimento  > conclusione :   (omissis)

f)       si richiede aumento dei trasporti  nella cinta esterna con parcheggi di scambio > conclusione :  dare in presentazione  un quadro più generale di quanto si sta facendo  ampliando il quadro degli obiettivi  e non concentrandosi solo sulla zona

g)      si contesta nella lettera di Pisapia la parola educazione   educare i cittadini > conclusione : non si vuole ricevere dalla politica indicazioni di alcun genere : oggi è passato nella società un concetto individualistico che non accetta  imposizioni e la politica  o il politico non è riconosciuto come punto di riferimento credibile

Ho parlato in giro e in generale ho avuto l’impressione paradossale di una propensione addirittura  a pagare di più e in  una volta sola  e a far pagare tutti con pochissime, ripeto pochissime, eccezioni .