TUTTE LE VEDOVE DEL PRESIDENTE


 

1.  Apicella. Alle convention del PDL nessuno lo caga più, al punto che si è visto costretto a migrare all’Isola dei Famosi.

2. Alessandro Sallusti. In un mese “il Giornale” ha perso il 9% di copie. Vabbè, con Sallusti perdevano copie anche prima.

3. Gad Lerner. Da quando è cambiato il Governo “L’Infedele” è sceso al 3% di share.

4. Piersilvio. Papi è tornato: non si può più spendere soldi alla cazzo, come c0n Endemol.

5. Santoro. Ora lo batte pure l’odiatissimo Formigli. E Celentano e Grillo lo evitano come un appestato.

6. Ruby. S’è perfino fatta ingravidare. Il pronipote di Mubarak.

7. Massimo Allegri. Adesso gli è tornata la fissa dello stadio, dei tempi in cui allenava l’Edilnord e dei suoi consigli tecnici deliranti. Panchina fortemente a rischio.

8. Giuliano Ferrara. Radio Londra ha perso la sua ragione ontologica. Lui stesso ha perso la sua ragione ontologica.

9. Pierluigi Bersani. Dal giorno delle dimissioni, se ne sono perse le tracce.

10. Ilda Boccassini. Se non è più Premier, che gusto c’è? Proprio ora che ce l’aveva quasi fatta. Peccato.