10 DOMANDE SULLA CAROGNA E DINTORNI

L’Anarchico di Piazza Vetra

1) La questura e il ministro dell’Interno hanno riferito che “nessuna trattativa è stata aperta con i tifosi”. Di cosa si è parlato allora, sotto la curva?

2) Chi ha chiesto ad Hamsik di andare sotto la curva? Se è stata una sua iniziativa, perchè nessuno lo ha fermato?

3) Come mai si è comunque scelto di parlare con il signor La Carogna, a prescindere dall’oggetto della conversazione? La legge prevede che vengano diffusi messaggi all’altoparlante a tutti i tifosi: perchè invece si è scelto di usare il signor La Carogna come altoparlante?

4) Perchè il signor De Santis Daniele, pregiudicato e ritenuto “estremamente pericoloso” aveva in dotazione un’arma da fuoco?

5) Come mai il circolo “Ciak” noto ritrovo di nazi e assai noto a chiunque conosca minimamente la Roma del tifo non era presidiato? E’ dai tempi del film “Ultras” con Claudio Amendola che la rivalità Roma-Napoli è nota: perchè nessuno ha pensato a misure preventive?

6) Perchè si parla ora di inasprire una sanzione come il Daspo – la cui legge in materia è severa quanto quella di tutti gli altri paesi dell’europa occidentale, se non addirittura più severa – quando stiamo parlando di fatti accaduti fuori dallo stadio e non dentro?

7) Perchè si fa riferimento al “modello inglese” quando sugli stessi media inglesi si parla assai spesso di come le leggi in materia abbiano si eliminato la violenza dagli stadi, ma semplicemente spostandola altrove, generando una  guerriglia urbana che ha ora come teatro i pub (costantemente sfasciati) o i parchi pubblici? E cosa dire delle trasferte dell’Inghilterra, quando migliaia di persone devastano impunemente i centri delle città di tutta Europa, menando passanti a casaccio?

8) Si è detto che “certi fatti, solo in Italia”. Qualcuno ricorda per caso le scene di violenza causate a Milano dai tifosi dell’Ajax lo scorso autunno, con vetrine sfasciati, negozianti e gente comune presa a cinghiate?

9) Perchè quotidiani sportivi come la Gazzetta dello Sport ora si indignano contro le curve quando sono loro a intervistare e dare visibilità agli stessi personaggi? Si veda, per esempio, il caso di un noto “portavoce” di una curva di Milano –  responsabile di aver accecato un altro tifoso durante un derby, un uomo che, poveraccio, chiedeva solo di poter guardare la partita con suo figlio, dato che la visuale gli era impedita da uno striscione pendente dal secondo anello – intervistato in lungo e in largo sulle pagine della “rosa” a intervalli regolari.

10) Oltre al celebrare il fatto di essere una gran testa di cazzo, quale altro reato ha commesso il signor La Carogna Genny per meritarsi 5 anni di Daspo? Quello di sedersi su una balaustra? Ma come? Prima gli rivolgono la parola e poi lo puniscono per essersi avvicinato a rispondere? Allora dovrebbero punire anche Hamsik per averci parlato. E nel caso in cui ad Hamsik sia stato detto di andarci parlare, che si puniscano anche i suoi “mandanti”. Solo che a quel punto i puniti rischiano di essere gli stessi dei punitori.

E già che ci siamo: ma allora a quelli che invadono il campo cosa bisogna fare? E a quelli che occupano le scalinate di un Tribunale?

Buona campagna elettorale a tutti.