D’ALFONSO&GABBANA

fea

 

Ok, la polemica la conoscete tutti. Ieri è uscita questa frase dell’assessore D’Alfonso che ha detto che il Comune avrebbe negato spazi ai due, presunti e in attesa di giudizio e quindi innocenti fino a  prova contraria, evasori fiscali Dolce&Gabbana.

Ma poi, in serata, l’assessore ha smentito i contenuti della frase: si è trattato, pare, di una battuta in libertà detta a un giornalista, estrapolata e decontestualizzata. Tuttavia, ieri i due stilisti erano arrabbiati di brutto, e tweettavano cose tipo “il Comune di Milano fa schifo”.

Oggi, però, è scoppiata la pace. E a sancirla, ecco – in anteprima – la nuova pubblicità di Dolce&Gabbana per la primavera-estate 2014!

Ma quale sarà il significato subliminale di questa immaginale? forse che l’idea di D’alfonso era sacrosanta, ma come al solito si tratta di una sparata, e non appena bisogna fare sul serio, ci si cala le braghe? Oppure che – visto il nuovo aumento del biglietto ATM – le casse comunali sono talmente vuote che la Giunta è rimasta in mutande?

Chissà. Di certo, le donne arancioni della città non vedono l’ora di ammirare la pubblicità, magari – perchè no? – affissa sul Duomo.