SENTI CHI PARLA

 

La divina Ornella Vanoni ha rilasciato qualche giorno fa una lunga intervista al Corriere Milano, in cui si scaglia contro la città, i suoi attuali amministratori e soprattutto i suoi cittadini, definiti, in larga parte, “maleducati”.

 

Ornella ne ha per tutti: per i vigili che non controllano, per gli automobilisti spericolati, per i forzati dello shopping, i frequentatori delle palestre…insomma, la povera diva “fatica a riconoscersi nella sua Milano” e chiede a “Giuliano” di intervenire “con urgenza”.

Si dirà: a una grande della canzone super partes tutto è concesso.

Bè, non esattamente. Prima di tirare le orecchie a “Giuliano“, Ornella alle ultime elezioni era candidata con “Letizia” nella lista “Milano al Centro”, dove raccolse la bellezza di 36 voti. E a proposito di maleducazione, di città sporca, resa irriconoscibile dall’inciviltà: come si chiamava quella Grande della canzone italiana i cui manifesti elettorali, totalmente abusivi, deturparono negli ultimi due giorni di campagna elettorale i muri dei palazzi di Viale Sarca e di tutta la zona Brera?

Ah già: Ornella Vanoni!